contatti | storia | i modem | forum | i router | tips & tricks | gli errori | segnalazioni


consultingweb.it
Il tuo dominio a soli 13 Euro!
Registralo ora, clicca qui!
il glossario
tutti i termini tecnici
l'avvocato
articoli e assistenza
gli articoli
soluzioni e curiosità
il software
consigli e guide

Per installare questo router, anche se non è necessario, ci converrà comunque forzare la scheda di rete; cliccando qui è possibile vedere la procedura.
In particolare dovremo inserire:
  • Indirizzo IP: 192.168.123.1
  • Subnet Mask: 255.255.255.0
  • Gateway predefinito: 192.168.123.254

Fatto ciò apriamo il browser e nella pagina degli indirizzi digitiamo: 192.168.123.254 .

Si aprirà la schermata che richiede l'inserimento della password; la password di default è admin.


Ci comparirà quindi la schermata generale di configurazione del router; a questo punto colleghiamo il router ad un modem ADSL ethernet; il collegamento andrà effettuato tramite cavo dritto sulla porta WAN del router; ovviamente non creerà problemi il fatto che il modem possa avere un indirizzo IP proprio di altra classe: il router nasce proprio per mettere in comunicazione sottoreti diverse.


A questo punto clicchiamo su setup; ci verrà chiesta la tipologia di connessione ADSL stipulata; nel nostro caso abbiamo evidenziato quella con protocollo PPPoE ed immissione di username e password che è la più diffusa per abbonamenti consumer e soho con modem ethernet.


Cliccando su Save & Next ci verrà poi richiesto di inserire username e password forniti dal provider; fatto ciò potremo salvare il profilo e far riavviare il router.

Dopo il riavvio del router andremo a visualizzare lo stato della connessione sul pulsante Status; inizialmente la schermata si mostrerà così:


Basterà cliccare su Connect o semplicemente attendere qualche secondo perchè il router lanci la connessione; in particolare, questo router "emula" gli stack PPPoE come Enternet300 o il RasPPP, solitamente necessari con i modem Ethernet per stabilire la connessione.
Cliccando su Refresh, una volta connessi, potremo visualizzare l'IP assegnato dal provider, oltre ai DNS e ad altre informazioni sulla connessione.


Vediamo ora qualche altra funzione di questo router; ad esempio clicchiamo sul pulsante Security; nella parte alta della pagina avremo la possibilità di cambiare la password di accesso al router.


Nella parte bassa della pagina troveremo delle funzioni interessantissime: sotto il menù "port access control" potremo infatti stabilire se concedere o meno l'utilizzo di determinate porte a seconda dell'IP locale assegnato alla macchina; l'esempio in figura ad esempio mostra il blocco sulla porta 6699, che impedirebbe l'utilizzo di WinMX.


Al fondo della pagina avremo ancora la possibilità di "nattare" porte per applicazioni specifiche; per alcuni software il router è già predisposto e non avremo bisogno di specificare le porte manualmente.


Infine, andiamo sulla voce Advanced; qui potremo modificare l'IP di default del router, resettarlo alle impostazioni di fabbrica, riavviarlo semplicemente, upgradarne il firmware o salvare le impostazioni di configurazione; inolte potremo scegliere se far assegnare dal router gli indirizzi IP ai singoli PC collegati in automatico (DHCP) e quale pool di IP rendere disponibili a tal fine.
cerca nel sito
vai al forum
contattaci

contatti | storia | i modem | forum | i router | tips & tricks | gli errori | segnalazioni

Best Viewed in 1024x768
Ottimizzato per Internet Explorer 5.0 e superiori


Punto ADSL - all rights reserved - per contatti scrivi alla redazione