Cartuccia Stampante
Viaggiare
Ischia Hotel
Hotel Chianciano
 
roper superlan
Per configurare il router Roper SuperLan innanzitutto forziamo la scheda di rete come indicato alla pagina: www.puntoadsl.net/tcp.html.
In particolare potremo indicare:
  • indirizzo IP: 192.168.1.2
  • subnet mask: 255.255.255.0
  • Gateway predefinito: 192.168.1.1

Colleghiamo poi il router sia alla presa telefonica che alla lan; i due led DSL-LNK e DSL-ACT indicano rispettivamente la ricezione del segnale ADSL e lo scambio dati su tale segnale; i due led LAN-LNK e LAN-ACT indicano invece collegamento fisico corretto e scambio dati lungo l'interfaccia ethernet.
Infine, il led WLAN-ACT indica l'attività tramite l'interfaccia wireless.

Il CD contenuto nella confezione del router contiene un software che guida l'utente nella configurazione del prodotto in modo semplice ed immediato; in queste pagine abbiamo preferito illustrare una configurazione "manuale" effettuabile senza l'utilizzo di alcun CD, ma semplicemente collegando il router al proprio sistema.

A questo punto apriamo il nostro browser e digitiamo, nella barra degli indirizzi, 192.168.1.1 dopo di che clicchiamo Invio.
In questo modo ci collegheremo alle pagine di configurazione del router; ci verrà richiesto di inserire username e password; quelle di default sono admin e admin.

Dopo aver inserito user e password e cliccato su OK; ci comparirà la prima delle pagine di configurazione del router; in particolare da questa potremo modificare la password di accesso al router per l'admin, aggiornare il firmware del router e riavviarlo.

Cliccando in alto su Network accederemo alla più importante pagina di configurazione.
Nella parte alta della pagina troviamo il Local Area Network Setup che andiamo ad illustrare:
  • nella sezione LAN troviamo innanzitutto l'IP assegnato al router, che di default è 192.168.1.1, che corrisponde peraltro al gateway; la maschera di sottorete è infine impostata a 255.255.255.0 . Consigliamo di non modificare questi parametri.
  • nella sezione WIRELESS LAN troviamo le impostazioni per chi intende utilizzare le funzionalità wireless di questo router; è consigliabile anche in questo caso mantenere le impostazioni di default.
  • infine nella sezione DHCP SERVER troviamo le impostazioni per utilizzare il SuperLan come router DHCP; nel caso in cui intendiamo assegnare manualmente gli IP alle singole postazioni possiamo mettere la spunta su Disable; in caso contrario possiamo mantenere il range di IP indicato di default, che va da 192.168.1.2 a 192.168.1.253 . Alla voce DNS IP address possiamo indicare l'IP di un eventuale DNS locale; è possibile comunque anche indicare il DNS primario del provider di riferimento.

Più in basso troviamo il Wide Area Network Setup dove finalmente configuriamo la nostra connessione ADSL.
  • nella sezione WAN indicheremo innanzitutto il protocollo utilizzato; il più diffuso è il PPPoATM ma potremo utilizzare anche il PPPoEthernet; abbiamo testato con buoni risultati anche l'RFC1483, che richiederebbe uno stack PPPoE per lanciare la connessione, come il RasPPPoE, quantunque la Roper, come visibile dalla confezione, non abbia ancora certificato il prodotto per questa tipologia di protocollo.
    Subito in basso troviamo da specificare il tipo di incapsulamento, che è VC Mux per il PPPoA, oppure LLC per il PPPoE e per l'RFC1483.
  • nella sezione PPP Route dovremo indicare VPI e VCI, che sono solitamente 8 e 35, la username e la password di connessione forniti dal provider. Inoltre, indicheremo PAP come tipo di autenticazione.
    n.b.: in caso di problemi di connessione è bene richiedere conferma al provider dei valori di VPI e VCI.

A questo punto, potremo cliccare su Security per visualizzare le possibilità di configurazione del firewall integrato nel router.

Innanzitutto dobbiamo abilitare la voce NAT Support, che ci consente di abilitare all'utilizzo le porte sfruttate dalle nostre applicazioni.
Nella sezione DMZ Server potremo indicare l'indirizzo in locale delle macchine che vogliamo utilizzare come server rendendoli accessibili dall'esterno; nell'esempio in basso abbiamo indicato l'IP 192.168.1.2 come FTP server.

Più in basso invece troviamo la possibilità di specificare gli IP cui reindirizzare le richieste dall'esterno per porte specifiche; questo è solitamente necessario, ad esempio, per i software di File Sharing. Nell'esempio in basso abbiamo abilitato all'utilizzo di WinMX (porte 6699 e 6257) l'indirizzo 192.168.1.3

Ultimate le configurazioni riavviamo il router; dopo il riavvio, cliccando su STATUS potremo verificare lo stato della connessione, l'indirizzo IP assegnatoci dal provider e la quantità di dati scambiati sia in ricezione che in trasmissione.
 
 
© Copyright 1999-2017 Emmedi Service. All Right Reserved . P.IVA: 04167681214